News

6/recent/ticker-posts

Header Ads Widget

Milazzo zona arancione, cosa si può fare dal 28 dicembre


Milazzo zona arancione 28, 29, 30 dicembre e lunedì 4 gennaio 2021, tutte le regole da seguire.

Dalla mezzanotte scatta quindi la zona arancione che durerà fino alle 23 e 59 del 30 dicembre. Poi ci attendono quattro giorni di zona rossa ( dal 31 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021), dove cambiano nuovamente le regole degli spostamenti e della circolazione delle persone. 

Nei giorni 28 29 30 dicembre e 4 gennaio – Durante i giorni di zona arancione è previsto il divieto di spostamento in un comune diverso da quello di residenza, fatta eccezione per gli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. 

Sono consentiti gli spostamenti nei Comuni fino a 5 mila abitanti in un raggio di 30 chilometri (esclusi capoluoghi di provincia). Divieto di spostamento dalle 22 alle 5 anche nel proprio comune.

Sono aperti gli esercizi commerciali con facoltà fino alle 21, mentre bar e ristoranti restano chiusi e sono consentite solo le attività di asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio.

ZONA ARANCIONE:
- è vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino se non per le comprovate esigenze di lavoro, salute o estrema necessità e urgenza; 
- sono vietati gli spostamenti in uscita da una regione all'altra e da un comune all'altro;
- bar e ristoranti sono chiusi; 
- i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi;
- le altre restrizioni sono identiche a quelle della zona rossa.


AUTOCERTIFICAZIONE
Nella zona arancione proclamata dal 28 al 30 dicembre e il 4 gennaio: autocertificazione è necessaria se ci si deve spostare al di fuori del proprio comune o della propria regione per i soliti tre motivi di lavoro, salute, comprovata necessità e urgenza. 




Posta un commento

1 Commenti

  1. Alessandra27/12/20, 21:13

    La gestione di questa emergenza a livello nazionale ha fatto capire il grado di preparazione di chi dovrebbe affrontare e risolvere i nostri problemi sanitari e ambientali.

    RispondiElimina