News

6/recent/ticker-posts

Header Ads Widget

Milazzo, i cartelloni pubblicitari che hanno fatto parlare

 

In un’epoca di grande consumo di tecnologia, in cui le persone sono costantemente connesse con loro dispositivi al mondo digitale, può sembrare che le forme tradizionali di pubblicità non funzionino più. 

Questo non è il caso dei cartelloni pubblicitari che restano una forma altamente affidabile di marketing e che funzionano ancora in modo più efficace rispetto al passato.

NEL 2010
Qualcuno lo definiva anche: "Porno fotovoltaico". Era il 2010, quando la Cauldron decise di pubblicizzare il servizio di montaggio di pannelli fotovoltaici con una donna e uno slogan di sicuro impatto: “Montami a costo zero”. Una campagna pubblicitaria, in seguito ritirata con tanto di scuse da parte dell'allora amministratore della società Federico Calderone. Risultato: massima visibilità.  

NEL 2020
Dieci anni dopo, arriva la campagna pubblicitaria dello studio Hubner con il messaggio "Giulia ti prego perdonami. Stefano", agenzia non nuova a trovate simil-sessiste. Questa trovata ha stimolato l'immaginazione di numerosi cittadini, come è stato dimostrato dai numerosi commenti sui social. 
Sicuramente meno volgare della Cauldron, ma molto efficace e ben studiata.

MARKETING
Oggi la comunicazione cartacea e quella online non sempre vengono pianificate in modo corretto. I due esempi sopra riportati fanno capire che studiare una campagna marketing per una visibilità valida significa uscire fuori dai soliti schemi. Risultati raggiungibili sono affidandosi a professionisti del settore.

LO STUDIO
Uno studio ha sottolineato alcuni numeri interessanti sui cartelloni pubblicitari e perché funzionano ancora oggi. Ad esempio, il consumatore medio può trascorrere più di 20 ore alla settimana in auto e coprire oltre 300 km o più in quel lasso di tempo. Questo tempo trascorso in auto offre ai consumatori un sacco di esposizioni su cartelloni.

I CARTELLONI
Lo stesso studio ha riportato che “il 71% della popolazione guarda i messaggi sui cartelloni pubblicitari” e constatato che “oltre il 37% si riaffacciano quasi ogni volta che ci passano davanti” anche se lo hanno visto prima. Queste statistiche ci mostrano che la pubblicità esterna è ancora rilevante e forse più influente rispetto ad altre forme tradizionali.


STATISTICHE
Il report va anche nel dettaglio delle informazioni che la maggior parte dei consumatori riescono a “captare” da un cartellone pubblicitario.Conoscendo queste statistiche potrete capire quali sono le informazioni più rilevanti da mettere nella vostra campagna di grande formato per raggiungere questo target:
– il 58% ha memorizzato un nuovo evento a cui vorrebbero partecipare
– il 58% ha memorizzato un ristorante a cui poi sono andati
– il 56% è rimasto colpito dall’ironia del messaggio, a prescindere dal contenuto
– al 33% è rimasta impressa la “sintonia” con un programma televisivo preferito
– al 44% è stato ricordato di sintonizzarsi su una stazione radio per ascoltare un evento
– il 28% ha preso nota di un sito web
– il 26% ha preso nota di un numero di telefono.

Posta un commento

0 Commenti